Batticuore, quando e perché è pericoloso

Dieta e malattie reumatiche: Marco Bianchi e il prof. Selmi


Cosa può fare l’alimentazione per le malattie reumatiche? Tanto. Qualche esempio? I broccoli per proteggere le articolazioni dall’artrosi e la frutta secca per aiutare a prevenire la tiroidite autoimmune. La dieta “anti-infiammatoria”, gli alimenti che possono far bene a Leggi altro

Il mal di testa un campanello d’allarme per l’ipotiroidismo?


Il mal di testa come possibile “spia” di un aumentato rischio di ipotiroidismo? Emicrania, cefalea a grappolo o tensiva: le persone che ne soffrono potrebbero andare incontro a questa disfunzione tiroidea. A suggerirlo è un team della University of Cincinnati Leggi altro

Meningite, Iss: quali vaccini esistono e chi dovrebbe vaccinarsi


Sulla meningite non c’è alcuna emergenza. Per l’Istituto superiore di Sanità “l’epidemia è solo mediatica” e per il ministero della Salute “al momento non esiste alcuna situazione epidemica”. Di fronte al susseguirsi di casi di meningite, anche fatali, in tutta Leggi altro

Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici


Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici Criticità assistenziali nella gestione della persona affetta da sindrome da allettamento in RSA e RSSA, percorso ed ottimizzazione delle risorse. Numero chiuso a 50 partecipanti (anche OSS). Leggi altro

Corso ECM - Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO


Sabato 22 ottobre 2016 si svolgerà, presso l’Auditorium della Residenza Villa Genusia di Ginosa Marina (TA), il corso di aggiornamento dal titolo “Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO”. L’evento organizzato dalla SNAMID (Società nazionale di Leggi altro

Batticuore, quando e perché è pericoloso?

c700x420Il batticuore in sé può non essere pericoloso. L’aumento della frequenza del battito cardiaco è infatti una condizione normale, fisiologica, che si presenta ogni volta che il cuore viene sottoposto a uno sforzo, fisico o emotivo che sia.Il batticuore diventa però una situazione fisica preoccupante quando raggiunge livelli troppo elevati o quando si verifica senza che vi sia un apparente motivo, come ci spiega il dottor Giosuè Mascioli, responsabile dell’Unità Operativa di Elettrofisiologia di Humanitas Gavazzeni Bergamo: «Una forte emozione può provocare un aumento dei battiti anche fino a 120 al minuto, senza che per questo si esca dalla normalità. Ma se il numero dei battiti sale a 180 siamo di fronte a una situazione di potenziale pericolo perché a questa velocità un cuore che già non è perfettamente normale potrebbe non svolgere in modo corretto la sua funzione primaria, che è quella di pompare il sangue in tutto il corpo»

Cuore, l’importanza di sapersi regolare da sé

controllo-pressione-torinoLa frequenza cardiaca può variare da persona a persona, in considerazione di vari fattori tra i quali ci sono la forma fisica, lo stato di salute, il sesso, l’età. In linea di massima si ritiene comunque che una condizione di frequenza normale, a riposo, debba essere ricompresa tra i 50 e i 100 battiti al minuto. Battiti che a volte possono aumentare o diminuire, per vari motivi: «Bisogna tenere sotto controllo sia la bradicardia, cioè quando il battito è più lento, sia la tachicardia, quando invece è più veloce – precisa il dottor Mascioli –. L’aumento della frequenza in certe circostanze, come i momenti che precedono una situazione di particolare tensione, tipo la partenza di una gara di atletica o un’interrogazione a scuola, è dovuta all’azione dell’adrenalina, una sostanza che agisce sulla frequenza, aumentandola. Niente di preoccupante, in questo caso, soprattutto quando si è capaci di controllare da sé le proprie reazioni».

Diversa è la situazione che vede il batticuore, cioè l’aumento repentino e incontrollato dei battiti: «Se mentre si è in una situazione di riposo e senza un apparente motivo in pochi secondi si passa da 50 a 130 – 140 o più al minuto, c’è qualcosa che non va, si è di fronte a un’aritmia, una condizione potenzialmente pericolosa che va segnalata al più presto a un medico».

La tachicardia, un campanello d’allarme

I motivi di un così immediato aumento del battito cardiaco sono molti e devono essere individuati il prima possibile per poter intervenire per tempo sull’aritmia. «La tachicardia, che oltre alle palpitazioni può essere associata anche a un dolore al petto, l’angina pectoris, può avere come causa dei disturbi aritmici, cioè elettrici, coronarici o che interessano il muscolo cardiaco. Può essere, inoltre, provocata da un problema che riguarda le valvole. Tutte situazioni di pericolo – conclude il dottor Mascioli –, di cui il batticuore rappresenta un campanello d’allarme che bisogna saper ascoltare».

Fonte: Humanitas

Aggiungi un commento