Caldo improvviso, problemi a stomaco e intestino?

Dieta e malattie reumatiche: Marco Bianchi e il prof. Selmi


Cosa può fare l’alimentazione per le malattie reumatiche? Tanto. Qualche esempio? I broccoli per proteggere le articolazioni dall’artrosi e la frutta secca per aiutare a prevenire la tiroidite autoimmune. La dieta “anti-infiammatoria”, gli alimenti che possono far bene a Leggi altro

Il mal di testa un campanello d’allarme per l’ipotiroidismo?


Il mal di testa come possibile “spia” di un aumentato rischio di ipotiroidismo? Emicrania, cefalea a grappolo o tensiva: le persone che ne soffrono potrebbero andare incontro a questa disfunzione tiroidea. A suggerirlo è un team della University of Cincinnati Leggi altro

Meningite, Iss: quali vaccini esistono e chi dovrebbe vaccinarsi


Sulla meningite non c’è alcuna emergenza. Per l’Istituto superiore di Sanità “l’epidemia è solo mediatica” e per il ministero della Salute “al momento non esiste alcuna situazione epidemica”. Di fronte al susseguirsi di casi di meningite, anche fatali, in tutta Leggi altro

Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici


Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici Criticità assistenziali nella gestione della persona affetta da sindrome da allettamento in RSA e RSSA, percorso ed ottimizzazione delle risorse. Numero chiuso a 50 partecipanti (anche OSS). Leggi altro

Corso ECM - Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO


Sabato 22 ottobre 2016 si svolgerà, presso l’Auditorium della Residenza Villa Genusia di Ginosa Marina (TA), il corso di aggiornamento dal titolo “Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO”. L’evento organizzato dalla SNAMID (Società nazionale di Leggi altro

Caldo improvviso, problemi a stomaco e intestino?

Il primo caldo è arrivato, anche piuttosto improvviso. Ma non per tutti è il benvenuto: dalla semplice sensazione di stanchezza e debolezza, al peggioramento di alcuni sintomi nelle persone che lamentano problemi a stomaco o intestino, le alte temperature e gli sbalzi termici possono provocare qualche disturbo indesiderato. A illustrare questi mali di stagione, più o meno fastidiosi, è la dottoressa Beatrice Salvioli, gastroenterologa dell’ospedale Humanitas.

Cosa succede a una persona in buono stato di salute quando le temperature cambiano repentinamente?

Emergenza-caldo1«Con il caldo è possibile che la pressione arteriosa si abbassi e, di conseguenza, ci si senta deboli e affaticati. Durante i cambiamenti di stagione, inoltre, in particolare quando si presentano i primi caldi, le nostre abitudini alimentari e di stile di vita si dovrebbero adeguare alle nuove temperature, ma spesso non avviene in quanto è necessario un periodo di adattamento del nostro organismo».

Se invece una persona soffre di disturbi gastro-intestinali, come risente di questo caldo improvviso?

regolarita-intestinale-rimedi-naturali-dieta-consigli«I repentini cambiamenti di temperatura possono intaccare la funzione dell’apparato digestivo. Questi vengono percepiti dall’organismo come fonte di stress che porta un abbassamento delle difese immunitarie e compromette l’equilibrio della flora batterica intestinale. Se si mantiene lo stesso tipo di alimentazione invernale, a fronte di temperature estive, il nostro apparato digestivo inevitabilmente ne risentirà con problemi di digestione lenta e di pesantezza. Tutto ciò può peggiorare i sintomi di reflusso gastroesofageo che già di per sé si riacutizzano nella stagione primaverile».

Molti sono tentati ad accendere l’aria condizionata, a casa, in auto o in ufficio. A cosa è necessario prestare attenzione?

«Per chi soffre di intestino irritabile, ed è quindi più sensibile agli stimoli esterni, ogni sbalzo eccessivo di temperatura (es. da caldo a freddo) può causare dolori addominali e irregolarità intestinali con comparsa di dissenteria. In questi casi sarebbe opportuno evitare di stare in un ambiente troppo condizionato. Le persone che hanno disturbi legati alla malattia da reflusso gastroesofageo, che sovente si presenta con sintomi respiratori come raucedine e mal di gola, possono andare incontro ad un peggioramento. La differenza di temperatura tra ambiente esterno ed interno (es. uffici condizionati) porta ad un ristagno del muco nelle cilia delle vie respiratorie soprattutto se non ci si idrata adeguatamente».

Come potersi difendere?

6«Alle persone cosiddette colitiche si consiglia di proteggere la zona addominale (anche con la non-gradita “maglietta della salute”) e di evitare il contatto diretto con aria fredda dei condizionatori. In chi ha problemi alla gola, spesso è sufficiente bere acqua; è bene dunque portare sempre con sé una bottiglietta di acqua».

 

Fonte: Humanitas

Aggiungi un commento