Il “pane nero” al carbone vegetale non fa bene: ecco perché

Dieta e malattie reumatiche: Marco Bianchi e il prof. Selmi


Cosa può fare l’alimentazione per le malattie reumatiche? Tanto. Qualche esempio? I broccoli per proteggere le articolazioni dall’artrosi e la frutta secca per aiutare a prevenire la tiroidite autoimmune. La dieta “anti-infiammatoria”, gli alimenti che possono far bene a Leggi altro

Il mal di testa un campanello d’allarme per l’ipotiroidismo?


Il mal di testa come possibile “spia” di un aumentato rischio di ipotiroidismo? Emicrania, cefalea a grappolo o tensiva: le persone che ne soffrono potrebbero andare incontro a questa disfunzione tiroidea. A suggerirlo è un team della University of Cincinnati Leggi altro

Meningite, Iss: quali vaccini esistono e chi dovrebbe vaccinarsi


Sulla meningite non c’è alcuna emergenza. Per l’Istituto superiore di Sanità “l’epidemia è solo mediatica” e per il ministero della Salute “al momento non esiste alcuna situazione epidemica”. Di fronte al susseguirsi di casi di meningite, anche fatali, in tutta Leggi altro

Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici


Corso ECM per infermieri, fisioterapisti e medici Criticità assistenziali nella gestione della persona affetta da sindrome da allettamento in RSA e RSSA, percorso ed ottimizzazione delle risorse. Numero chiuso a 50 partecipanti (anche OSS). Leggi altro

Corso ECM - Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO


Sabato 22 ottobre 2016 si svolgerà, presso l’Auditorium della Residenza Villa Genusia di Ginosa Marina (TA), il corso di aggiornamento dal titolo “Importanza della diagnosi precoce e della terapia del paziente BPCO”. L’evento organizzato dalla SNAMID (Società nazionale di Leggi altro

Il “pane nero” al carbone vegetale non fa bene: ecco perché

Nessun beneficio dal “pane nero” al carbone vegetale. La dottoressa Sara Testa, dietologa del Centro Obesità dell’ospedale Humanitas, boccia il consumo di questo tipo di pane ottenuto dall’aggiunta di carbone vegetale – da non confondersi con altre varietà di pane scuro come quello di segale – perché privo di proprietà salutari: «È calorico tanto quanto il pane tradizionale e il carbone vegetale non dà alcun beneficio alle persone che accusano flatulenza o problemi come la sindrome del colon irritabile».

Il carbone vegetale, dal punto di vista nutrizionale, non dà alcun valore aggiunto, tutt’altro: «È un colorante potenzialmente cancerogeno – aggiunge la specialista – perché ottenuto dalla combustione. La quantità aggiunta per la produzione del cosiddetto “pane nero” è molto più bassa di quella che potrebbe avere un potenziale farmacologico in pazienti con problemi intestinali. E per questo scopo, inoltre, anche le compresse al carbone vegetale raramente risultano efficaci».

Aggiunta di carbone vegetale di dubbia utilità

«Gli integratori a base di carbone vegetale sono consigliati per contrastare disturbi intestinali, flatulenza e gonfiore grazie alle sue proprietà adsorbite dei gas intestinali. L’aggiunta di questo additivo come colorante nei prodotti da forno è tuttavia di dubbia utilità, perché non si conosce ancora se questi benefici sono ugualmente presenti nel momento che il carbone vegetale viene inserito come ingrediente in una matrice alimentare complessa», aggiunge la dottoressa Manuela Pastore, dietista di Humanitas.

Quali indicazioni dare al consumatore? «Chi, acquistando un prodotto al carbone vegetale, pensa di comprare un prodotto salutare sbaglia: non è nemmeno “dietetico” perché ha le stesse calorie del pane bianco ma anche del pane integrale, che risulta invece indicato per chi vuole aumentare l’apporto di fibre», risponde la dottoressa Testa.

I prodotti da forno con carbone vegetale non potranno essere chiamati “pane”

A dicembre, il ministero della Salute è intervenuto con una nota sulla questione del “pane nero” al carbone vegetale. Il ministero ha dato alcune indicazioni su denominazione, produzione ed etichettatura del prodotto dopo le richieste di chiarimento di diverse associazioni di categoria.

Secondo il ministero questa sostanza può essere aggiunta ma solo in qualità di colorante: “È ammissibile la produzione di un ‘prodotto della panetteria fine’ denominato come tale, che aggiunga agli ingredienti base (acqua, lievito e farina), tra gli altri, anche il carbone vegetale come additivo colorante e nelle quantità ammesse dalla regolamentazione europea”, dice il ministero.

Non è ammissibile – continua la nota – chiamare questo prodotto ‘pane’, né fare riferimento al ‘pane’ nell’etichettatura, nella sua presentazione e pubblicità, sia nel caso di prodotto preconfezionato che sfuso. Inoltre non sarà ammesso fare riferimento agli effetti benefici del carbone vegetale alla luce del “chiaro impiego dello stesso esclusivamente quale additivo colorante”.

Fonte: Humanitas

Aggiungi un commento